Coop Lombardia sostiene la Casa della Carità anche attraverso il Servizio Docce

Coop Lombardia sostiene la Casa della Carità anche attraverso il Servizio Docce

Coop Lombardia ha scelto di donare 4000 prodotti per l’igiene personale alla Casa della Carità, associazione partner del servizio Due Mani in Più, per contribuire all’enorme lavoro che questa realtà porta avanti, giorno dopo giorno, per offrire ospitalità gratuita agli ultimi degli ultimi, aiutandoli anche nel recupero dell’autonomia individuale.

Dal 2002 la Casa della Carità di Milano offre aiuto alle persone senza dimora, individuandone i bisogni primari.
Tra i servizi offerti gratuitamente c’è anche il “servizio doccia”, di grande conforto soprattutto nel periodo estivo in cui gli ospiti vivono momenti di grande difficoltà e senso di abbandono.

Nel 2016 sono state donate quasi 5.000 docce, a più di 950 persone, e i numeri sono in costante e preoccupante aumento, a riflettere un crescente disagio nella nostra metropoli, specchio dei tempi e degli ostacoli affrontati da un numero sempre maggiore di persone costrette ai margini della società.
La definizione di “servizio doccia” si riferisce al bisogno primario a cui l’associazione è pronta a rispondere. Ma al servizio è associato anche altro, come la possibilità di radersi, di cambiare la biancheria, e di usufruire dell’ambulatorio medico, della consulenza legale e del supporto socio-educativo. Il “servizio doccia” si traduce quindi in un momento di presa in carico, di socializzazione e di ascolto, in una sola parola: di solidarietà.

La donazione di Coop Lombardia transiterà attraverso il punto vendita di Milano Palmanova e verrà consegnata nelle consuete forme del Buon Fine.
Il negozio di Via Benadir dona ogni anno più di 70 tonnellate di prodotti alimentari invenduti alle associazioni COMIN cooperativa Sociale, al Centro Ambrosiano di Solidarietà e alle Suore Francescane Missionarie.

Oggi, lunedì 9 luglio, la consegna di 132 scatole, per un totale di 1584 prodotti, è stata effettuata alla presenza di Giuseppe Bologna, capo negozio Milano Palmanova, Maria Punzi, presidente del Comitato Soci Milano Palmanova, Beppe Sigari, volontario, Pietro Fioriti, responsabile logistica e manutenzione della Casa della Carità, e Angi Scala, dell’ufficio raccolta fondi della Casa della Carità.
I prodotti verranno utilizzati dai circa 150 ospiti della struttura e dalle persone che usufruiscono del “servizio doccia”, e che sono circa 60/70 ogni giorno.
Leggi qui la storia di Antonio, un uomo che vive in una casa abbandonata e va a fare la doccia alla Casa della carità.

Chiunque lo desiderasse può supportare il servizio docce e guardaroba della Casa della Carità con una donazione cliccando qui.

Condividi questo contenuto