La Giornata internazionale contro gli sprechi alimentari

In occasione della Giornata internazionale contro gli sprechi alimentari non possiamo non dare risalto a Buon Fine, il progetto di Coop Lombardia attivo già dal 2007 per il recupero delle eccedenze dei prodotti alimentari prima della scadenza.

Un progetto che porta in sé i valori della cooperazione e dell’impegno dei lavoratori e dei soci verso la comunità, ma anche quello della sostenibilità ambientale (recupero degli invenduti) legata a doppio filo alla sostenibilità sociale, attraverso la redistribuzione dei prodotti alimentari recuperati alle fasce più deboli della popolazione. Un’attività che si è rafforzata di anno in anno e soprattutto durante l’emergenza Covid-19.

Buon Fine prevede, dopo il recupero dei prodotti alimentari, in gran parte freschi e freschissimi, vicini alla scadenza, la donazione diretta degli stessi a enti e associazioni del territorio, in grado di riutilizzarli immediatamente nelle mense e nelle comunità assistite, trasformandoli quotidianamente in pasti e pacchi spesa per le persone più fragili e bisognose.
Nel 2007 siamo partiti, primi nel settore della Grande Distribuzione, con 2 negozi coinvolti, 35.000 chili di cibo donato, per un valore economico di 88.030€. Ma nel corso degli anni il progetto è cresciuto sempre di più, per arrivare nel 2019 ad essere attivo in 56 negozi su 57, e a consentire la donazione di 1.313 tonnellate di cibo, per un valore economico di oltre 7,3 milioni di euro, permettendo così alle 105 organizzazioni destinatarie di distribuire oltre 2,6 milioni di pasti.

Un progetto importante quello di Buon Fine, che non rappresenta solo un contributo significativo per il sostegno sociale alle fasce più deboli della comunità, ma ha anche importanti ricadute ambientali. Il processo virtuoso che prevede la donazione diretta di prodotti alimentari e non alimentari a “chilometro zero” consente di ridurre drasticamente l’impatto ambientale della filiera dei rifiuti: nel 2019 il recupero di 1.313 tonnellate di cibo ha permesso di abbattere le emissioni di anidride carbonica di 2.717 tonnellate, le emissioni di metano di 14,4 tonnellate, di particolato PM 2,5 e PM 10 di 429 chilogrammi e di risparmiare 11 milioni di ettolitri di acqua e 925 ettari di terra.

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali