Diario di viaggio di Anna Manicone, volontaria di Varese, dal “campo libero” organizzato da Coop Lombardia, Libera e Libera Terra a Castelvetrano.
Nella giornata di giovedì il gruppo ha visitato il Giardino della memoria, luogo tristemente noto dove è stato segregato e ucciso il piccolo Giuseppe Di Matteo, ora memoriale di tutti i bambini innocenti vittime di mafie.
A seguire, un emozionante incontro a Portella della Ginestra e la visita alla bottega “dei sapori e dei saperi della legalità” a Palermo.

Sentite il tono di voce di Chiara di Libere Essenze? Questa è la rabbia di chi come lei vuole “sbatterci” in faccia la verità delle crudeltà di cui la mafia è stata capace di fare. Siamo al Giardino della memoria, un mausoleo che a stento siamo riusciti a fotografare… perché ci sembrava di violare la sacralità di questo luogo. Qui è stato segregato per 180 giorni il piccolo Giuseppe Di Matteo, sciolto nell’acido senza aver commesso nulla. Solo per essere stato figlio di un collaboratore di giustizia e di aver raccontato tutto il sistema mafioso gravitante alla figura di Brusca. Difficilmente dimenticheremo le lacrime, la voce rotta di noi tutti, i pugni allo stomaco provati a vedere il bunker, a leggere collettivamente la testimonianza di uno dei pentiti -Giuseppe Chiodo- esecutore di questa indicibile crudeltà. “Un luogo che da luogo di morte deve diventare di vita”. E noi accogliamo la richiesta dei ragazzi di Libera: faremo vivere da oggi più che mai la memoria di questo angelo innocente con i nostri racconti, con i nostri occhi. 

Nel pomeriggio i volontari sono stati accompagnati a Piana degli Albanesi, per ascoltare la testimonianza di Serafino:

Un uomo molto distinto, abbronzato e con una dose doppia di fazzoletti di carta, conscio forse che la commozione a ricordare quei momenti sarebbe stata molta. Si presenta così Serafino, superstite della strage di Portella della Ginestra, intricato e ancora irrisolto caso della storia della Sicilia. Siamo stati alla Piana degli Albanesi: di fronte la vetta detta “La cometa”, alle nostre spalle l’altopiano “La pizzuta”, appostamento degli esecutori della strage. Quel 1 maggio del 1947 c’era un banchetto en plein air, uno dei pochi momenti in cui i contadini del posto si riunivano per mangiare insieme. Ricorda con grande commozione quanto da giovane abbia sofferto la fame e quanto fossero preziosi quei momenti collettivi. “La biro, la cultura è il più potente strumento che può combattere la mafia”. E noi non possiamo che fare tesoro di questo racconto e pensare alle 12 vittime -per la maggior parte giovanissime ed innocenti. 

Per essere aggiornati in tempo reale seguite il blog della giornalista Adelia Brigo su Varesenews.

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali