Con MediCinema l’opera lirica entra in ospedale

Grazie al progetto MediCinema l’opera lirica entra in ospedale: nell’ambito del programma della Prima Diffusa promosso dal Comune di Milano il 7 dicembre è stata proiettata nella sala MediCinema all’Ospedale Niguarda di Milano la diretta della Tosca di Giacomo Puccini dal Teatro alla Scala.

MediCinema Italia Onlus è un progetto internazionale che promuove l’utilizzo del cinema a scopo riabilitativo e come sollievo per i pazienti degenti, offrendo programmi di musica e film all’interno degli ospedali. Le sale cinema sono “senza barriere” e realizzate appositamente per lo scopo.
Inaugurata lo scorso novembre, la Sala MediCinema del Niguarda ha aperto le sue porte alla grande musica, con un evento davvero straordinario che ha portato l’opera lirica all’interno dell’ospedale. Il 7 dicembre scorso, 85 persone tra i pazienti ricoverati, i loro familiari ed amici, personale interno, cittadini e rappresentanti delle istituzioni, hanno potuto assistere in diretta alla Tosca di Puccini. Per questa occasione così speciale, Medicinema ha anche realizzato per i partecipanti alcuni accessori a tema da indossare con il “pigiama da sera”.

Un musicologo ed esperto di cinema ha introdotto la proiezione, aiutando il pubblico a familiarizzare con l’Opera. Coop Lombardia ha contribuito all’iniziativa offrendo il rinfresco, una degustazione di vini Fiorfiore Coop, panettone e pandoro.

Per l’occasione è stata anche allestita la mostra “Tosca mito senza tempo” che, attraverso l’esposizione di locandine cinematografiche e foto di scena, racconta i 100 anni di trasposizioni cinematografiche dell’opera pucciniana, dal film con Francesca Bertini del 1918 alle ultime versioni, passando in rassegna registi come Carmine Gallone e Luigi Magni e interpreti come Anna Magnani e Monica Vitti. La mostra sarà visitabile fino al 6 gennaio negli spazi adiacenti la sala MediCinema.

La serata di gala e la mostra “Tosca Mito senza tempo” sono state dedicate al progetto pediatrico dedicato ai bambini con deficit visivi.

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali

 

Tag