Tiziano a Palazzo Reale: sconti per i Soci Coop

Palazzo Reale di Milano apre il 2022 con una grande mostra, aperta al pubblico fino al 5 giugno, dedicata all’immagine della donna nel Cinquecento nella pittura del grande maestro Tiziano e dei suoi celebri contemporanei Giorgione, Lotto, Palma il Vecchio, Veronese e Tintoretto.  

Per i Soci Coop è previsto l’ingresso in convenzione a prezzo ridotto (12€). 

In esposizione alla mostra, che è promossa e prodotta dal Comune di Milano–Cultura, Palazzo Reale e Skira editore, in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum di Vienna, è possibile ammirare oltre un centinaio di opere, di cui 47 dipinti, 16 di Tiziano, molti dei quali in prestito dal museo viennese, cui si aggiungono sculture, oggetti di arte applicata come gioielli, una creazione omaggio di Roberto Capucci a Isabella d’Este (1994), libri e grafica, per immergersi nel Cinquecento veneziano e nella realtà delle donne di quei tempi. 

La mostra narra la donna dipinta da Tiziano e dai suoi contemporanei, la bellezza, l’eleganza e la sensualità, il ruolo tutto particolare che la loro rappresentazione acquistò nella Venezia del Cinquecento. In quel periodo, infatti, la donna assume un ruolo unico e una importanza che non si era mai vista prima nella storia della pittura. Partendo dal tema del ritratto realistico di donne appartenenti a diverse classi sociali, si passa a quello fortemente idealizzato delle così dette “belle veneziane” per poi incontrare celebri eroine e sante, fino ad arrivare alle divinità del mito e alle allegorie. L’immagine femminile è rappresentata attraverso tutto l’ampio spettro delle tematiche possibili e nel contempo mettendo a confronto gli approcci artistici individuali tra Tiziano e gli altri pittori del tempo. 

Tra i quadri esposti, anche Giovane donna con cappello piumato (1534-1536) di Tiziano e Giovane donna con vecchio di profilo (1515-1516) di Giovanni Cariani, due olii su tela prestati alla mostra dal Museo Ermitage di San Pietroburgo e balzati all’attenzione della cronaca negli scorsi giorni per la richiesta di restituzione dei due dipinti da parte dell’istituzione culturale russa. 

In realtà, l’Ermitage ha attenuato la richiesta di restituzione dei dipinti: Tiziano e Cariani rimarranno a Palazzo Reale, mantenendo intatta l’esposizione e a prescindere dalle relazioni congelate tra la nostra nazione e la Federazione Russa.  

Il direttore generale dell’Ermitage Michail Piotrovsky ha dichiarato in un comunicato che “I ponti della cultura si fanno saltare in aria per ultimi, ed ora è venuto il tempo di proteggerli” e ci auguriamo che da questo spirito si possa ripartire, una volta risolto il conflitto alle porte dell’Europa. 

 Scopri di più sulla mostra e prenota il tuo posto cliccando su questo link. 

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali