Festa della Liberazione: la memoria va celebrata

Anche quest’anno, nelle settimane che hanno preceduto e in quelle che seguiranno il 25 aprile, ricordiamo e celebriamo la Festa della Liberazione, coinvolgendo territori e comunità, veri protagonisti della Resistenza.

Il 25 Aprile per noi è ogni giorno dell’anno: quando incontriamo gli studenti e li invitiamo a riflettere sulle loro scelte, e stimoliamo in loro l’impegno civico, quando raccontiamo ai nostri dipendenti il valore delle filiere di Libera Terra, del vino coltivato a pochi chilometri dal memoriale di Portella della Ginestra.
Lontani dai riflettori delle celebrazioni, ci impegniamo insieme ai nostri soci in iniziative di forte valenza simbolica, che mantengono viva l’identità culturale dei nostri territori.
Quest’anno, ad esempio, abbiamo sostenuto il progetto Orme Ortica Memoria, contribuendo, insieme a Legacoop e ad altre cooperative lombarde, a trasformare il quartiere Ortica di Lambrate nel primo quartiere museo al mondo, dove la storia del Novecento milanese viene raccontata sui muri delle case, delle scuole, degli edifici pubblici e privati che disegnano il quartiere. E proprio il 25 Aprile è stato inaugurato il murale dedicato al Partigiano Luigi Morandi.

Promuoviamo questi valori anche grazie al supporto di centinaia di soci volontari, che si impegnano nella creazione di progetti e iniziative culturali e di educazione alla cittadinanza attiva, che nei giorni a ridosso delle importanti celebrazioni della Resistenza hanno il loro culmine.
Domenica 22 aprile si è tenuta, per il nono anno consecutivo, la festa partigiana Aspettando… la Liberazione ad Oramala. La giornata è iniziata con una camminata nei boschi limitrofi, teatro di vari scontri fra fascisti e partigiani, con varie soste ed interventi del Gruppo “Gattomatto”, che ha raccontato storie di donne resistenti. Il punto d’arrivo è stato il Ceppo del Partigiano Berto, che ancora oggi onora la sua caduta in un’imboscata nazista solo pochi mesi prima della Liberazione. Al ritorno al castello di Oramala, il Comitato Soci Coop di Voghera, la sezione ANPI di Val di Nizza e Auser Voghera hanno offerto agli oltre 200 partecipanti il risotto partigiano, affettati vari e dolce. Al pranzo sono seguiti gli interventi del Senatore Gigino Panigazzi, ormai uno degli ultimi partigiani della provincia di Pavia, del segretario dell’ANPI Ivano Taietti e del sindaco di Val di Nizza Franco Campetti. A concludere la bella giornata i Bataquerch, il nuovo progetto musicale di cinque musicisti provenienti da tre band pavesi, che hanno presentato il loro nuovo CD, composto interamente da storie partigiane, e cantato alcune delle più famose canzoni della Resistenza.
Anche Voghera la avuto la sua Festa in musica della Liberazione martedì 24 aprile. Un bellissimo 73° anniversario quello che si è svolto nella splendida cornice del Giardino dei Cachi della Fondazione Adolescere, e che ha visto la partecipazione di ben 7 associazioni vogheresi: ANPI, Comitato Soci Coop, Associazione Insieme, Presidio di Libera, SOMS-Voghera, Voghera È, Adolescere, hanno organizzato un pomeriggio musicale per ricordare e commemorare, e con tanta voglia di stare insieme e di esserci. Dalle 17:30 si sono alternati sul palco due gruppi delle scuole Gallini e Maserati, a cui hanno fatto seguito i complessi degli Hillbilly Dukes, gli Effetto Portico e, a concludere, la spumeggiante Classe di Musica d’insieme Jazz. Il tutto inframmezzato da interventi per ricordare il 25 Aprile del 1945.
Mentre nel nostro negozio di Malnate è stata allestita una mostra fotografica, in collaborazione con l’ANPI e il Coro Rebelde di Varese; a Crema, invece, il Comitato Soci Coop ha organizzato una mostra di disegni delle scuole primarie, in collaborazione con il Comitato di promozione dei principi della costituzione italiana; infine a Milano sono stati organizzati concerti dedicati, come quello di via Arona e di Piazza Lodi.

La Memoria, per mantenersi viva, deve essere celebrata e percepita come un sentimento condiviso e partecipato.

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali