Fairtrade Italia sostiene la ricerca dell'Università degli Studi di Milano

Fairtrade Italia sostiene la ricerca dell’Università degli Studi di Milano

Nelle giornate del 10 a dell’11 settembre Fairtrade Italia e i ragazzi dell’Università degli Studi di Milano saranno presenti con uno stand al Centro Sarca di Sesto San Giovanni, in collaborazione con Coop e in prossimità del nostro negozio, per coinvolgere Soci e clienti in una ricerca di consumo.

L’obiettivo della ricerca è definire, con una metodologia innovativa, applicata per la prima volta in Europa proprio dall’Università di Milano, la Willingness to Pay (disponibilità a pagare) del consumatore, rispetto a caratteristiche non fisiche di un prodotto, come ad esempio la certificazione di commercio equo Fairtrade.
L’attività, realizzata dal team del Prof. Stefano Corsi, ricercatore in Economia Agraria ed Estimo del Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, cerca di eliminare gli atteggiamenti ipotetici del consumatore, che non necessariamente si traducono in azioni di consumo, per ottenere un valore più aderente possibile alla realtà.

I ricercatori chiedono al consumatore di partecipare a un’asta per l’acquisto di una confezione di zucchero da 1kg.
Gli vengono presentate due tipologie di zucchero: un “prezzo base”, disponibile sugli scaffali Coop, e uno zucchero bianco certificato Fairtrade, realizzato dall’azienda piemontese Figli di Pinin Pero, non ancora in commercio.
Al consumatore viene data una spiegazione dell’organizzazione Fairtrade, sugli obiettivi e sul valore aggiunto della certificazione del prodotto e, a quel punto, dopo aver sorteggiato una tra le due categorie di zucchero, per il quale l’intervistato può fare un’offerta di acquisto.

Nel corso dell’asta, il consumatore gareggerà contro un pallottoliere contenente dei prezzi compresi in un range definito dai ricercatori universitari. Se il prezzo offerto dall’intervistato è più alto del prezzo sorteggiato dal pallottoliere, l’intervistato vince l’asta e acquista lo zucchero al prezzo offerto. Se invece il prezzo sorteggiato è più alto, l’intervistato perde l’asta e non ha l’obbligo di acquistare il prodotto.

A conclusione, gli intervistati ricevono un buono acquisto Coop del valore di 5€ per l’acquisto di prodotti Solidal Coop, certificati Fairtrade.

Condividi questo contenuto