Emanuela Loi: un nome da non dimenticare

Venerdì 22 febbraio nell’Aula Magna del Liceo Grattoni a Voghera e sabato 23 febbraio nell’Aula Magna dell’Università di Pavia si terrà l’incontro dedicato alla figura di Emanuela Loi.

L’agente della scorta di Paolo Borsellino, morta con il giudice e altri quattro colleghi il 19 luglio 1992, rivivrà nelle parole della sorella Claudia, perché combattere contro l’oblio è già combattere contro la mafia.

Emanuela Loi aveva 24 anni quando il 19 luglio 1992 perse la vita insieme a Paolo Borsellino. Entrata in Polizia nel 1988, dal 1990 era stata trasferita a Palermo e solo da un mese era entrata a far parte della scorta del giudice insieme ai colleghi Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.
Fu la prima donna poliziotto nella storia del nostro Paese a morire in servizio.

Durante l’incontro, Claudia racconterà sua sorella, ma anche i dolorosi cambiamenti nella vita della sua famiglia dopo l’attentato e l’impegno per tenere vivo il senso di responsabilità con cui Emanuela difese il valore assoluto della giustizia: «Ai giovani voglio lanciare un messaggio, un messaggio che ci ha lasciato mia sorella Emanuela facendo il proprio dovere: tutti noi dobbiamo fare la nostra parte per costruire una società in cui i valori della legalità, della pace, della giustizia siano fortemente radicati perché non sia più necessario morire per difendere questi valori».

Ad accompagnare questa testimone d’eccezione, il giornalista Paolo Barni di telePAVIA e l’attrice Lisa Capaccioli, che leggerà alcuni brani tratti da Io, Emanuela, la biografia per ragazzi dedicata alla poliziotta.

L’incontro, organizzato dal Comitato Soci Zona di Pavia di Coop Lombardia in collaborazione con l’associazione Libera, è una tappa di avvicinamento alla XXIV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che si celebrerà in tutta Italia il 21 marzo.
In quell’occasione, il Comitato Soci Zona di Pavia parteciperà al corteo di Padova organizzato dall’associazione Libera.

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali