La storia di Giannina

La testimonianza di Giannina Tosi (a 17 anni operaia del “Borri” e staffetta partigiana)

“Un episodio è rimasto nella storia degli scioperi delle donne che sarebbe potuto finire drammaticamente come quello della retata alla Comerio.

Calzaturificio BorriIl Calzaturificio Borri era diventato la roccaforte delle donne e i fascisti lo sapevano. Nel marzo del 1944 c’era il solito sciopero per le rivendicazioni economiche. Uno dei padroni aveva radunato tutti i dipendenti, uomini e donne, in uno stanzone al pianterreno della fabbrica, per convincerci a tornare a lavorare. Proprio mentre stava parlando, sono entrati correndo con i mitra spianati una ventina di fascisti della brigata nera. A quel punto noi donne abbiamo invitato i nostri uomini a tornare sul posto di lavoro. Avremmo incrociato noi le braccia. E avremmo preso noi la responsabilità dello sciopero. I fascisti non avrebbero osato prendersela con noi. E infatti non sapevano che cosa fare. Poi ne presero una, la Gemma Milani, e la portarono in carcere, nelle cantine della sede della brigata nera, in Piazza Trento e Trieste.

La reazione delle donne del “Borri” però è stata immediata e ha colto di sorpresa anche gli stessi gerarchi fascisti. Siamo uscite dalla fabbrica in corteo, siamo andate a chiamare le donne delle altre fabbriche che erano in sciopero. Siamo andate tutte a gridare davanti alla caserma della brigata nera. A parlare con noi è uscito il segretario del Fascio, Mazzeranghi. Gli abbiamo detto che avremmo ricominciato a lavorare solo quando avrebbero rilasciato la nostra compagna. All’inizio non ne voleva proprio sapere. Poi invece abbiamo ottenuto che una delegazione di noi potesse fare visita alla ‘prigioniera ‘. Dormiva sul pagliericcio ma stava bene. La pressione davanti alla casa della brigata nera e lo sciopero sono durati tre giorni. Alla fine Mazzeranghi l’ha lasciata andare e Gemma è tornata in fabbrica…”

Episodi della Resistenza a Busto Arsizio. Donne in primo piano: un episodio al Calzaturificio Borri” (testimonianza di Giannina Tosi ) – ANPI – Comitato di Busto Arsizio, in collaborazione con Angelo Castiglioni, Rossella Fermenti, Luigi De Bernardi e la classe III D dell’Istituto