Capaci di memoria: trent’anni dalle stragi di mafia

Quest’anno ricorrono i trent’anni dalla Strage di Capaci, un momento importantissimo per ricordare e rendere omaggio ai giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Anche i nostri Comitati Soci hanno contribuito a portare avanti la testimonianza della memoria delle vittime di mafia con diverse iniziative, per dire basta alla criminalità organizzata e rendere viva la memoria delle donne e degli uomini che, combattendo per un’Italia più giusta e più legale, hanno perso la vita. 

La mattina del 24 maggio, giorno dell’anniversario della Strage, il Comitato Soci di Cormano – Cusano Milanino ha organizzato insieme al Comune una passeggiata in ricordo delle vittime di mafia. Al corteo hanno partecipato anche le classi quarte e quinte delle scuole primarie di Cusano Milanino, che hanno camminato lungo le vie cittadine con tantissimi disegni, cartelli e slogan colorati. Il corteo degli studenti è stato accompagnato dai musicisti del Corpo Musicale S. Cecilia, dal Comitato Soci, da Legambiente, ANPI, Cooperativa Edificatrice, AIDO, AVIS, e dall’associazione Peppino Impastato, ed è arrivato sotto l’Ulivo dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Il corteo ha percorso gli ultimi 100 passi scandendo i nomi di 100 vittime di mafia, i cui nomi e le cui storie sono state selezionate dagli alunni delle scuole.

Nei pressi di questo potente simbolo di memoria è stato installato il gazebo del Comitato Soci, un punto di ritrovo e informativo per distribuire il materiale sull’impegno di Coop e sui prodotti di Libera, per promuovere le attività delle Cooperative che lavorano i terreni confiscati alle mafie e che producono, nella difficoltà, i prodotti Libera Terra, pieni di gusto, di valori e di legalità. 

Tra le attività per il trentennale della Strage di Capaci, lunedì 30 maggio all’Auditorium di Bergamo andrà in scena lo spettacolo musicale Lampi nel buio, con i testi di Salvatore Borsellino e le musiche composte da Giovanni Mancuso. All’evento interverranno lo stesso Salvatore Borsellino e Rosario di Giovanni, ex ispettore pensionato della Polizia di Stato. L’incontro è stato organizzato con la partecipazione degli allievi e docenti del Liceo Secco Suardo di Bergamo, dal comitato provinciale di Libera e dai comitati Soci Coop della Bergamasca, per testimoniare e rinnovare l’impegno contro le organizzazioni mafiose. Con lo stesso obiettivo si sono svolti gli altri incontri sul territorio e, lo scorso 22 maggio, quello organizzato da Libera Milano che ha potuto finalmente, dopo due anni di pandemia, riproporre “sulle nostre gambe”, un torneo della legalità di basket, calcio e pallavolo per permettere a tutti di essere testimoni di memoria anche tramite lo sport 

Le attività di memoria promossi dalla nostra Cooperativa e dai Comitati Soci, insieme ai percorsi di promozione dell’economia della legalità e del riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia in Lombardia, rappresentano una risorsa sul territorio, un contributo concreto per contrastare le forme di criminalità organizzata, per l’affermazione del lavoro, dei diritti sociali e civili della persona. Un impegno costante, sentito e per il quale vogliamo dire grazie ai nostri Comitati Soci. 

Condividi questo contenuto

Rimani aggiornato, iscriviti alla newsletter


    Leggi l'informativa sul trattamento dei dati personali