30 anni di Bonola: la memoria dei protagonisti

30 anni di Bonola: la memoria dei protagonisti

L’ipercoop di Bonola ha compiuto 30 anni, e per celebrare al meglio questo importante traguardo il 23 marzo il nostro punto vendita ha ospitato un’importante cerimonia cui hanno partecipato gli uomini e le donne (soci e lavoratori) che diedero vita la progetto, che hanno portato le loro testimonianze dirette.
Ospite speciale della giornata Tessa Gelisio, grande amica di Coop Lombardia, che con la sua simpatia ha condotto la festa ed introdotto tutti gli ospiti. E trattandosi di una festa non è mancato il taglio della torta, realizzata dalla pasticceria dell’Ipercoop.

A presenziare alla cerimonia il presidente di Coop Lombardia Daniele Ferré. Ospite d’onore Ambrogio Vaghi, primo presidente dell’ipercoop, che alla domanda Cosa ha significato per Coop Lombardia la nascita di Bonola? ha risposto: Per noi e per la cooperazione in senso lato ha significato tante tante cose. L’avviarsi sulla strada delle grandi dimensioni delle strutture di vendita non era ancora cosa condivisa dal movimento nazionale e anche all’interno della stessa Coop Lombardia esistevano ampie e giustificate apprensioni. Il fatto però che il Bonola non fosse un Ipermercato isolato ma all’interno di un centro commerciale, in convivenza con decine e decine di altri negozi e servizi tradizionali, conciliava le difficoltà di ordine politico. Lo stesso Comune di Milano era da tempo assillato dal problema di dare servizi a due immensi quartieri, il Gallaratese e il San Leonardo, che ne erano sorti praticamente privi pur collegati col centro città dalla prima metropolitana. Il Comune aveva offerto la collaborazione di un pool di 9 architetti che indicarono soluzioni fantasiose, poco concrete dal lato gestionale. Partecipammo a correggerle grazie alle esperienze che rapidamente eravamo andati ad acquisire all’estero essenzialmente in Francia. Di fatto il Bonola nacque per l’impegno di Coop Lombardia in tutte le sue particolarità. Nella progettazione, nel finanziamento con la collaborazione di Finim, nella costruzione con la collaborazione della CMB di Carpi, e nella commercializzarione degli spazi. Tutti aspetti che portarono tanti insegnamenti positivi e qualcuno negativo, per il futuro non solo a noi di Coop Lombardia ma a tutto il movimento. Insomma un importante laboratorio di studi sul campo era stato compiuto. Ma il significato più importante per noi stette nel fatto che Coop si insediò e si fece conoscere nella città di Milano con una struttura di vendita moderna, dimostrando che la cooperazione dei consumatori poteva confrontarsi e competere con le grandi imprese private.

Il 23 marzo a festeggiare con noi c’era anche Luigi Vaj, ex presidente del Comitato Soci di Bonola, a cui abbiamo chiesto Cosa ha significato essere il Comitato Soci del primo Ipercoop? Ed ecco cosa ci ha risposto: Provenivo dal vecchio e piccolo negozio dove tra chi era dipendente e noi soci attivi non c’era una grande differenza, era una gestione quasi familiare, capitava di dare una mano. Sapevamo da dove arrivava Coop, conoscevamo lo scopo e il fine. Questi principi rimasero anche passando all’Ipercoop diBonola, una struttura grande, che allora sembrava gigantesca. E come era logico e giusto per noi soci attivi non c’era più spazio nel negozio. Però c’era spazio nel sociale, e tutti i giorni all’Ufficio Soci c’era la fila di chi voleva associarsi, ma non avevamo una sede. Malgrado questo organizzammo ugualmente degli spettacoli, finalmente il quartiere dormitorio cominciava a svegliarsi e ad apprezzare tutto quanto gli veniva proposto. Stavamo diventando punto di riferimento per le diverse associazioni, che si rivolgevano a noi per contributi, sostegni, collaborazioni e proposte. E finalmente la sede la inaugurammo un anno dopo, era il 13 maggio del 1989. Questo fatto diede impulso a numerose altre iniziative. Oggi, dopo 30 anni, l’Ipercoop sembra un po’ invecchiato ma allora fu una struttura che rese un quartiere dormitorio un quartiere vivibile proiettato in un futuro di sviluppo, difatti oggi è ancora fortemente frequentato e il Centro Commerciale è la piazza dove si incontrano i settantamila cittadini del Gallaratese.

E a Bonola la festa continua!
L’ipermercato vivrà un intenso programma commerciale, con offerte particolari studiate per avvicinare anche i nuovi abitanti del quartiere, puntando soprattutto sui giovani che forse sono nati proprio nello stesso anno dell’ipercoop. Ad esempio sono previsti sconti speciali su tantissimi prodotti e oltre 30 eventi che si svolgeranno all’interno del punto vendita, per far conoscere meglio le caratteristiche dei prodotti a marchio Coop e dei servizi offerti dall’ipercoop.
Anche i nostri Soci parteciperanno attivamente alle celebrazioni con una serie di iniziative, tra cui una mostra fotografica e un aperitivo con musica nell’Auditorium del centro.
E per chiudere in bellezza ti aspettiamo il 7 aprile per vedere la torta di 30 metri da mangiare tutti insieme!

Scopri il programma completo con tutti gli eventi cliccando qui.

Condividi questo contenuto